Come trovare un’ambulanza privata e quanto costa

Ambulanza privata: differenze con il servizio pubblico, come trovarla, quanto costa e quali sono le dotazioni di bordo. Scopri di più su quixa

In alcune situazioni di emergenza può essere necessario ricorrere a dei servizi sanitari a pagamento, ad esempio richiedendo un’ambulanza privata per un trasporto d’urgenza. Si tratta di una soluzione che in alcuni contesti rappresenta l’opzione migliore, fornendo un’alternativa rispetto al servizio pubblico erogato attraverso il Numero di Emergenza Unico Europeo 112 , nelle Regioni dov’è attivo: Friuli Venezia Giulia, Lazio (prefisso 06), Liguria, Lombardia, Piemonte, Sicilia Orientale, Valle d’Aosta e nelle Province Autonome di Trento e Bolzano, oppure, dove non è attivo, chiamando il118.

Ovviamente è importante essere consapevoli di come funziona questo tipo di prestazione, per sapere cosa fare quando bisogna gestire al meglio un’emergenza. Scopriamo quanto costa un’ambulanza privata e come trovarla, per capire come usufruire di questo servizio in caso di necessità per tutelare se stessi e la propria famiglia.

Come funziona il trasporto in ambulanza privata

In genere in caso di emergenza bisogna recarsi al pronto soccorso più vicino, utilizzando il proprio autoveicolo per arrivare al reparto di emergenza dell’ospedale presente in zona. Altrimenti, se non è possibile o consigliabile spostarsi in modo autonomo, è necessario chiamare il NUE 112 o 118, ovvero i numeri pubblici dedicati alle emergenze     .

Naturalmente il servizio da priorità  ai casi gravi, i quali richiedono l’intervento urgente di un veicolo attrezzato con a bordo personale medico-sanitario qualificato.

Il trasporto in ambulanza attraverso il 112 o 118 è un servizio gratuito, in quanto realizzato sotto forma di prestazione sanitaria pubblica. Lo stesso tipo di servizio viene svolto anche dalle aziende private; tuttavia, in queste circostanze è necessario pagare il costo del trasporto secondo le tariffe applicate dall’impresa, e non esistono particolari restrizioni nel ricorso a un’ambulanza privata.

Entrambi i servizi sono svolti con modalità, mezzi e professionisti analoghi; infatti, spesso le stesse aziende esercitano l’attività in convenzione con il sistema sanitario pubblico e privatamente. Nel primo caso è il Servizio Sanitario Nazionale a corrispondere il pagamento della prestazione realizzata, nel secondo è il cittadino a farsi carico del costo del servizio.

Quando non è possibile utilizzare il trasporto pubblico in ambulanza?

L’impiego del trasporto in ambulanza coperto dal Servizio Sanitario Nazionale, quindi in regime di servizio pubblico, è accessibile appena per le situazioni di emergenza. In tutti gli altri casi non è possibile avvalersi del trasporto in ambulanza, a meno che non si contatti un’azienda specializzata per ricorrere al medesimo servizio ma in regime privato.

L’utilizzo dell’ambulanza privata può rivelarsi necessario in diverse circostanze, tra cui:

  • tornare in casa dopo un ricovero ospedaliero;
  • essere trasferiti da un ospedale ad un’altra struttura sanitaria;
  • recarsi in ospedale in assenza di una condizione di emergenza se non è possibile usare un veicolo proprio;
  • trovare rapidamente un’ambulanza per andare in ospedale in caso d’urgenza;
  • trasporto di donne in gravidanza.

In Italia ogni regione prevede delle regole specifiche per l’utilizzo del trasporto in ambulanza, perciò le disposizioni variano in base alla zona di residenza. In alcune regioni è possibile, ad esempio, tornare a casa in ambulanza dopo una chirurgia per una patologia oncologica, in altre invece il servizio è meno accessibile e limitato appena alle emergenze più gravi.

Inoltre, bisogna considerare le tempistiche d’attesa, infatti l’arrivo dell’ambulanza è legato ai mezzi in servizio in quel momento e al numero di interventi effettuati in ogni istante. Se in una zona le ambulanze disponibili sono poche, anche in caso di emergenza si potrebbe attendere un po’ prima dell’arrivo dei soccorsi, qualora i mezzi siano già impegnati in un’altra chiamata.

Come trovare un’ambulanza a pagamento

Per trovare un’ambulanza privata a pagamento bisogna rivolgersi ad aziende autorizzate, effettuando una ricerca online oppure chiedendo direttamente alla struttura sanitaria. Si tratta in genere di associazioni e società specializzate, in possesso di mezzi equipaggiati per realizzare trasporti di persone vulnerabili o in condizioni di rischio.

Ogni impresa di solito dispone di varie tipologie di mezzi, dalle ambulanze per gli interventi di emergenza ai veicoli per i trasporti di persone con patologie croniche, oppure malati che utilizzano dispositivi particolari come respiratori o che non possono camminare. La scelta dell’ambulanza dipende anche dal tragitto da coprire, soprattutto quando lo spostamento prevede la percorrenza di una lunga distanza.

Individuare l’azienda giusta alla quale rivolgersi potrebbe non essere così semplice, specialmente quando la ricerca avviene in occasione di situazioni di emergenza sanitaria. Per questo motivo è opportuno essere sempre preparati, sapendo quali sono le società migliori da contattare per il trasporto d’urgenza in ambulanza.

Ambulanza privata: costi e tariffe in Italia

Il prezzo di un’ambulanza privata dipende da vari fattori, tra cui quelli principali sono:

  • tipo di veicolo;
  • distanza da percorrere;
  • esigenze del paziente da trasportare;
  • presenza di pedaggi autostradali nel tragitto;
  • necessità di dotazioni sanitarie speciali.

In media la tariffa per un’ambulanza privata parte da almeno 100-150 euro, nel caso di un trasporto breve di tipo standard con una distanza inferiore ai 50 Km. La presenza di macchinari particolari, personale medico-sanitario specializzato e una distanza maggiore comportano un aumento considerevole della spesa, soprattutto se il viaggio in ambulanza supera i 300 Km.

Il servizio di ambulanza privata con la polizza sanitaria

Per usufruire di un’ambulanza privata sempre a disposizione in caso d’urgenza è possibile sottoscrivere un’assicurazione sanitaria, una polizza assicurativa che fornisce una serie di prestazioni in situazioni di emergenza. Tra i servizi inclusi c’è anche il trasporto in ambulanza, qualora in caso di urgenza sia necessario l’utilizzo di un mezzo speciale per recarsi presso una struttura sanitaria.

Con quixa smart salute è possibile proteggere se stessi e la propria famiglia, beneficiando di una polizza di assistenza sanitaria, conveniente e gestibile in modo 100% digitale*. In caso di necessità basta contattare la centrale operativa, per richiedere il trasporto d’urgenza con l’invio di un’ambulanza privata al proprio domicilio, senza dover attendere il servizio pubblico

Il servizio di ambulanza privata non prevede massimali né franchigie,. Inoltre l’assicurazione quixa smart salute include anche le seguenti prestazioni sanitarie e assistenziali:

La polizza quixa smart salute sanitaria può essere attivata online, gestendo ogni servizio attraverso l’app quixa o l’area riservata sul sito web ufficiale quixa.it. Inoltre, è possibile usufruire del primo mese gratuito, con disdetta in qualsiasi momento che garantisce la massima flessibilità, tutelando non solo l’assicurato ma anche tutti i componenti del nucleo familiare.

*Per maggiori informazioni consulta il Set Informativo quixa smart salute nella sezione Modulistica

Leggi anche:

Che cos'è la massoterapia?

Massoterapia: cos’è, come funziona e quali benefici offre

Una delle tecniche fisioterapiche riabilitative più utilizzate e diffuse è la massoterapia, un trattamento di facile applicazione e di origini antiche. L’obiettivo è migliorare il benessere della persona attraverso il massaggio massoterapico, agendo soprattutto sull’apparato muscolo-scheletrico.In particolare, si tratta di un insieme di procedure manuali volte ad apportare dei benefici

Leggi Tutto »
Pilates: benefici per benessere fisico e mentale

Tutti i benefici del pilates per il benessere psicofisico

Per mantenersi in forma e in salute è importante fare attività fisica con regolarità, praticando delle discipline adatte alle proprie esigenze e al livello di preparazione. Uno dei sistemi di allenamento più gettonati al giorno d’oggi è il pilates, apprezzato soprattutto per i vantaggi che offre in termini di flessibilità

Leggi Tutto »
Camminare tutti i giorni: ecco perché fa bene

Camminare tutti i giorni: ecco perché fa bene

I benefici di camminare tutti i giorni e come farlo spesso L’attività sportiva è la base per una vita sana, insieme a un’alimentazione variata e bilanciata, tuttavia anche semplicemente andare a camminare può garantire dei benefici considerevoli per la salute e il benessere. Si tratta di una buona abitudine adatta

Leggi Tutto »