Durante l’intero contratto della polizza auto è importante mantenere il profilo personale sempre aggiornato, con la comunicazione di ogni variazione dei dati personali e delle informazioni relative al veicolo assicurato in modo tempestivo.

In particolare, vanno segnalati anche i trasferimenti di residenza, una modifica importante che richiede la notificazione ufficiale nei confronti della compagnia assicurativa e non solo. Vediamo come fare il cambio residenza per l’assicurazione auto in modo corretto.

Cambio residenza assicurazione auto: la procedura

Quando ci si rivolge a una società assicurativa per sottoscrivere una polizza auto, uno dei fattori che concorrono a determinare il premio assicurativo è il comune di residenza. Ogni zona, infatti, presenta degli indici in merito all’incidenza del numero di sinistri, un dato utile alle compagnie per calcolare il costo della polizza in maniera corretta.

Per questo motivo l’assicurazione auto per una residenza diversa potrebbe presentare un valore alterato, quindi in caso di trasferimento da un indirizzo ad un altro è necessario avvisare la società quanto prima possibile. Ciò è ancora più importante nell’eventualità di un sinistro, con problemi anche piuttosto seri nella liquidazione del danno, qualora la residenza indicata dal contratto non dovesse corrispondere a quella attuale.

La procedura per il cambio di residenza per l’aggiornamento della polizza auto prevede la segnalazione alla compagnia assicurativa. In questo caso è possibile usare uno degli strumenti messi a disposizione dalla società, ad esempio un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC), un fax, una raccomandata, oppure tramite app o web console.

Di norma sono disponibili degli appositi moduli per l’alterazione dei dati della polizza, da scaricare online sul sito web della propria compagnia. 

Per comunicare a quixa il tuo cambio residenza è sufficiente compilare la richiesta attraverso il form, selezionando la voce “Cambio dati di polizza

quixa, una volta effettuate le verifiche necessarie, procederà a effettuare le variazioni e, qualora queste comportino una variazione del rischio assicurato, in deroga alle previsioni di legge, provvederà a comunicare l’eventuale premio ricalcolato a seguito della rettifica: in caso di diminuzione del rischio procederà a rimborsare la differenza, in caso di aggravio del rischio, al fine di evitare gli effetti del recesso e mantenere in vita il contratto, potrà proporre al contraente di pagare l’eventuale integrazione di premio.

Cambiare assicurazione auto in corso: documenti necessari

Per quanto riguarda la documentazione per il cambio di residenza e l’adeguamento della polizza auto, bisogna tenere conto che bisogna rivolgersi a diversi enti. Prima di inviare la segnalazione alla compagnia, infatti, è necessario effettuare l’aggiornamento del libretto di circolazione del veicolo rivolgendosi presso gli uffici del nuovo comune di residenza.

In questo caso la documentazione richiesta è:

·         documento di riconoscimento;

·         patente di guida;

·         sigla della targa del veicolo;

·         modulo di richiesta per il cambio di residenza.

Il documento di riconoscimento può essere la carta d’identità o il passaporto, mentre per la patente e la targa basta fornire gli estremi al momento della presentazione della domanda. Il modulo si trova negli uffici del comune, oppure si può scaricare all’interno del portale web dell’amministrazione locale, qualora questo servizio fosse disponibile.

A questo punto sarà il comune ad entrare in contatto con la Motorizzazione Civile, affinché venga aggiornato il libretto di circolazione della vettura. Dopodiché si riceverà a casa il nuovo tagliando, da incollare sul documento della macchina per concludere l’operazione, mentre la comunicazione al PRA sarà automatica ed effettuata sempre dalla Motorizzazione.

Da alcuni anni è disponibile anche il sito web ufficiale del Portale dell’Automobilista, dove è possibile verificare l’aggiornamento del libretto di circolazione online. Qualora dovessero sorgere dei dubbi è possibile contattare il servizio clienti dell’ufficio operativo del Ministero dei Trasporti, tramite il numero verde 800 23 23 23.

Una volta concluse queste pratiche è possibile utilizzare i nuovi documenti per alterare i dati della polizza auto, usando i canali messi a disposizione dalla propria compagnia per aggiornare l’assicurazione. Naturalmente il premio potrebbe subire variazioni al rinnovo, soprattutto per chi ha beneficiato di una classe di merito agevolata ereditata da un altro membro del nucleo familiare, secondo quanto previsto dalla Legge Bersani.

Costo cambio residenza

Per effettuare il cambio di residenza esistono dei costi fissi, non applicati dalla compagnia assicurativa, ma richiesti per le alterazioni del libretto di circolazione presso la Motorizzazione Civile.

In particolare sono applicati:

·         13,50 euro – emolumenti ACI

·         32 o 48 euro – nuova registrazione al PRA

Nel secondo caso la variazione di prezzo dipende dal tipo di documento, infatti utilizzando il Certificato di Proprietà il costo è di 32 euro (CdP), mentre con il modulo standard la commissione è di 48 euro (modulo NP3C).

Cosa succede in caso di mancata comunicazione del cambio di residenza

La mancata comunicazione del cambio di residenza dell’assicurazione auto comporta diversi rischi, soprattutto in caso di sinistri. In seguito a un incidente con attivazione della polizza potrebbe essere rifiutato il rimborso, oppure la compagnia potrebbe pagare, ma rivalersi sull’assicurato.

Ovviamente si tratta di una decisione che dipende dalle circostanze, tuttavia per evitare qualsiasi rischio è importante attivarsi tempestivamente per aggiornare sempre tutti i dati della polizza auto. Lo stesso vale per gli altri documenti dell’auto, in quanto le sanzioni per la guida con i documenti del veicolo non in regola sono abbastanza severe.

In caso di fermo della polizia, se il libretto riporta ancora il vecchio indirizzo di residenza, si rischia una multa fino a 394 euro e il ritiro della carta di circolazione (articolo 94 del Codice della Strada). Ancora più rischiosa è la guida all’estero, dove i controlli sono più severi e scrupolosi con il pericolo di venire trattenuti per chiarire la discrepanza.

È evidente come non valga la pena correre il rischio di ricevere multe e incappare in altri problemi più seri, perciò ogni volta che si cambia residenza è importante ricordarsi di adeguare tutti i documenti del veicolo, dal libretto della macchina fino all’assicurazione auto.