Le vacanze estive sono senza dubbio un momento molto atteso, per godersi le meritate ferie e trascorrere dei piacevoli momenti al mare e in spiaggia. Tuttavia questi ambienti possono danneggiare gli interni della macchina, poiché sabbia e salsedine possono causare microlesioni dei tessuti e macchie sui rivestimenti.

Per mantenere la tappezzeria in perfetto stato è importante adottare alcuni accorgimenti, effettuando con frequenza la pulizia dei sedili dell’auto, lavando la superficie con attenzione e usando prodotti specifici per eliminare eventuali macchie e aloni. Ecco alcuni consigli utili su come fare.

COME PULIRE GLI INTERNI DELL’AUTO: LA FASE PRELIMINARE

Per pulire i sedili dell’auto bisogna cominciare ovviamente dall’aspirazione, un’operazione indispensabile prima di occuparsi di eventuali macchie e altre problematiche. Gli interni, infatti, devono essere completamente privi di residui, sporcizia e altre particelle, perciò è necessario iniziare togliendo tutti gli elementi estraibili, come i tappetini.

A questo punto bisogna usare un aspirapolvere abbastanza potente, andando a rimuovere tutte le tracce di sabbia presenti sui sedili, per terra e all’interno delle tasche portaoggetti. Durante questo intervento è importante passare bene anche nei punti più nascosti, ad esempio sulle cuciture dei sedili e del divanetto dove si deposita maggiormente la sporcizia.

Qualora le particelle di sabbia fossero molto piccole e difficili da eliminare è consigliabile utilizzare un compressore o un apposito soffiatore. Si tratta di macchinari con un getto d’aria molto intenso, attraverso il quale rimuovere i residui difficili da aspirare, per poi catturarli con l’aspirapolvere tradizionale.

LA PULIZIA DELLA TAPPEZZERIA DELL’AUTO: IL LAVAGGIO

La seconda fase della pulizia dei sedili dell’auto e della tappezzeria consiste nel lavaggio interno del veicolo. L’operazione può essere eseguita utilizzando detergenti professionali già pronti all’uso, altrimenti si possono adoperare prodotti naturali come l’aceto o il bicarbonato di sodio.

La soluzione più efficace è il bicarbonato e un sapone liquido neutro, un composto adatto alla maggior parte dei rivestimenti usati per la tappezzeria della vettura. Per procedere basta prendere una bacinella con dell’acqua calda, aggiungere due cucchiaini di sapone e due cucchiai di bicarbonato di sodio.

Dopodiché bisogna immergere una spugna in microfibra, strizzarla per evitare lo sgocciolamento e iniziare a strofinare la superficie con dei movimenti lenti e circolari. È importante prestare attenzione a non bagnare eccessivamente i sedili, altrimenti l’umidità potrebbe danneggiare il tessuto e lasciare degli aloni.

Infine, non rimane che rimuovere il detergente, passando nuovamente la spugna strizzata inumidita soltanto con acqua, per poi asciugare con cura il rivestimento utilizzando un asciugamano oppure un panno morbido. Dopo il lavaggio è necessario favorire la circolazione dell’aria, lasciando per alcuni minuti l’aria calda accesa, oppure abbassando i finestrini fino alla completa asciugatura.

COME SMACCHIARE I SEDILI DELL’AUTO

La sabbia e la salsedine possono lasciare delle sgradevoli macchie sui sedili, infatti i granelli contengono dei minerali come il ferro che, in seguito allo strofinamento con i vestiti, possono formare degli aloni scuri. Anche la salsedine rovina velocemente la tappezzeria, perciò è essenziale pulire gli interni il prima possibile dopo una vacanza al mare.

Se dopo il lavaggio le macchie sono ancora presenti sulla superficie, significa che sarà necessario un approccio più aggressivo. Per toglierle è indispensabile ripetere l’operazione, utilizzando sempre del bicarbonato di sodio oppure sostituendolo con mezzo bicchiere di aceto di vino bianco, mischiandolo con dell’acqua calda e un po’ di sapone liquido.

Tuttavia, al posto della spugna in microfibra, in questo caso bisognerà usare una spazzola con setole morbide, acquistando un modello specifico per la pulizia degli interni dell’auto. Per un’azione più efficace è possibile lasciare agire il composto per alcuni minuti, dopo aver strofinato la parte, risciacquando con acqua e asciugando i sedili con cura.

In alternativa al bicarbonato o all’aceto, presso i negozi specializzati si possono trovare dei prodotti per smacchiare i sedili dalla salsedine, delle schiume secche in grado di penetrare a fondo nel tessuto. Il prodotto va spruzzato o applicato sulle macchie, lasciandolo agire per qualche minuto dopo aver strofinato la zona con la spazzola, per poi rimuovere la schiuma con una spugna morbida umida o un panno.

COME PULIRE I SEDILI IN PELLE DA SABBIA E SALSEDINE

Chi possiede un veicolo con interni in pelle deve necessariamente prestare maggiore attenzione, pulendo i sedili usando dei prodotti specifici per questo materiale. Inoltre, trattandosi di un tessuto termosensibile, è importante lavare l’auto con l’aria calda accesa, un trucco che consente di ammorbidire il rivestimento e semplificare la pulizia.

Dopo l’aspirazione della sabbia è consigliabile passare prima un panno umido, togliendo ogni residuo rimasto sulla superficie. A questo punto bisogna pulire i sedili in pelle con un detergente neutro e un po’ di acqua demineralizzata, passando il composto sulle macchie di salsedine con una spazzola a setole morbide.

Infine, se gli aloni sono stati rimossi con successo, è indispensabile proteggere la pelle usando un apposito prodotto nutriente, adoperando un panno o dell’ovatta per stenderlo su tutta la superficie. Prima dell’applicazione è fondamentale accertarsi che il prodotto sia compatibile con il tipo di pelle, ad esempio effettuando una prova su un angolo o un bordo del sedile poco visibile.

COME PROTEGGERE L’AUTO DALLA SALSEDINE, DAL SOLE E DALLA SABBIA 

Dopo una vacanza al mare, oppure la classica stagione balneare, bisogna pulire l’auto in modo accurato e provvedere se necessario a smacchiare gli interni. Tuttavia, un’esposizione prolungata al sole e alla salsedine potrebbe rovinare irrimediabilmente la tappezzeria, per questo motivo è fondamentale adottare alcuni accorgimenti preventivi.

Innanzitutto, è importante riparare la macchina dai raggi solari diretti, parcheggiandola in un luogo ombreggiato, oppure usando un telo coprente. Altrimenti si possono impiegare delle pellicole anti-UV da applicare sui vetri o i classici parasole, sebbene quest’ultimi offrano una protezione piuttosto limitata.

Inoltre, è utile comprare un aspirapolvere portatile, per rimuovere ogni giorno la sabbia all’interno del veicolo, evitando che i rivestimenti possano graffiarsi a causa dello sfregamento. Allo stesso modo, dopo una giornata al mare, è opportuno fare sempre la doccia prima di salire in macchina, indossare delle scarpe chiuse e aumentare la frequenza dei lavaggi per limitare i danni dovuti alla salsedine.