Abbiamo recentemente affrontato il tema delle auto elettriche e della previsione secondo cui il 2020 sarà l’anno di svolta per quanto riguarda la loro diffusione. Senza entrare nuovamente nel merito della previsione, possiamo dire che l’Italia stia remando nella giusta direzione.

Anche per il 2019, infatti, sono stati previsti degliincentivi sulla rottamazione delle vecchie automobili legati agli Ecobonus.

Incentivi rottamazione auto 2019

Gli Ecobonus sono sostegni finalizzati a indirizzare la scelta della nuova automobile verso modelli a basso impatto ambientale.

È possibile accedere all’ecobonus fino al 31 dicembre 2021 acquistando un’auto con emissioni di CO2 inferiori o uguali a 70 gr/km.

Acquistando un’auto elettrica (precisamente un mezzo con emissioni di CO2 minori o uguali a 20 gr/km) è infatti possibile ottenere 4.000 euro sotto forma di sconto sull’acquisto. In aggiunta è possibile avvalersi di ulteriori 2000 euro di incentivi in caso di rottamazione di automobili con omologazione fino a Euro 4.

In caso di acquisto di un’automobile con emissioni comprese tra 70 e 20 gr/km, l’agevolazione scende a 1.500 euro. Anche in questo caso è possibile avvalersi di un bonus per la rottamazione di un’auto omologata fino a Euro 4 ma per un massimo 1.000 euro, portando l’incentivo economico a un totale di 2.500 euro. Le auto che rientrano in questi parametri di emissione di co2 sono solitamente quelle definite ibride.

Questi descritti finora sono gli incentivi fissi definiti dal Governo. Ad essi vanno poi sommati quelli adottati dalle diverse regioni: in questo modo l’importo complessivo degli sconti a cui si può accedere potrebbe variare molto da una regione all’altra.

Da sottolineare che queste facilitazioni economiche sono disponibili solo per l’acquisto di auto che presentano un prezzo massimo di 61.000 euro (50.000 più IVA).

L’Ecotassa

Per “svecchiare” il parco auto degli italiani e, al contempo, diminuire l’inquinamento sulle nostre strade, Il precedente Governo ha introdotto anche un disincentivo all’acquisto di auto con elevata produzione di CO2: la cosiddetta Ecotassa.

È applicata su tutti i veicoli immatricolati tra il 1 Marzo 2019 ed il 31 Dicembre 2021 e grava sul prezzo di acquisto delle auto a prescindere dalla loro cilindrata. Non si applica invece ai mezzi per disabili ed a quelli funebri.

L’importo dell’Ecotassa varia a seconda della “fascia d’inquinamento” in cui rientra un veicolo: da 161 a 175 g/km ammonta a 1.100 euro, da 176 a 200 g/km è 1.600 euroda 201 a 250 g/km è 2.000 euro ed oltre250 g/km raggiunge i 2.500 euro.

L’elevato prezzo di acquisto di auto ibride ed elettriche è finora stato la causa della loro mancata diffusione. Con queste manovre vengono dunque compiuti dei piccoli passi verso il traguardo finale dello spostamento ecosostenibile.

Sitografia:

ANSA: http://www.ansa.it/canale_motori/notizie/istituzioni/2019/03/01/ecotassa-ecobonus-2019-come-funziona-il-sovrapprezzo-modello-per-modello-_01c43736-bea0-40f7-86b3-0306d9b8d334.html

GAZZETTA UFFICIALE: https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2019/04/06/19A02391/sg

QUATTRORUOTE: https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2019/02/28/auto_nuove_domani_scattano_ecobonus_ed_ecotassa.html

MISE: https://ecobonus.mise.gov.it/