Le norme italiane obbligano gli automobilisti a sottoscrivere una polizza RC Auto, una copertura essenziale per la responsabilità civile. In caso di incidente stradale, questa assicurazione copre una serie di danneggiamenti e lesioni provocati a cose e persone, tuttavia non tutela dai danni riportati dal proprio veicolo.

Per usufruire di questa protezione extra è possibile acquistare una garanzia accessoria, inserendo nella polizza anche la Kasko totale per ampliare le coperture di base dell’assicurazione auto. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta, per capire cosa copre, quanto costa e quando conviene inserire questa copertura complementare nella RCA.

Come funziona la polizza Kasko per l’auto

L’assicurazione Kasko è una delle polizze accessorie più apprezzate dagli automobilisti, poiché consente di proteggere in modo completo la propria vettura. Questa copertura, infatti, garantisce una tutela elevata dell’auto, in caso di danni subiti dal veicolo non coperti dalle garanzie assicurative convenzionali.

Con la Kasko è possibile ricevere un risarcimento qualora la macchina riporti dei danneggiamenti, a prescindere dalla responsabilità. Con la RCA, invece, vengono coperti soltanto i danni causati agli altri, quindi in caso di sinistro stradale per colpa propria la compagnia indennizza l’altro veicolo, mentre se la propria vettura è stata danneggiata deve essere sistemata a proprie spese.

Kasko totale: ecco cosa copre questa garanzia accessoria

La garanzia Kasko totale mette a disposizione una serie di coperture importanti per gli automobilisti, al fine di aumentare la protezione economica in caso di danni subiti dal proprio veicolo. Nel dettaglio, questa polizza accessoria fornisce una tutela integrale per la macchina, infatti permette di ottimizzare quelle già garantite dalla RC Auto.

Le coperture della polizza Kasko prevedono risarcimenti in caso di:

  • ribaltamento;
  • uscita di strada;
  • urti;
  •  

In particolare, la copertura può scattare in seguito a un urto causato da una distrazione alla guida, oppure per una manovra non ottimale che provoca una collisione, un ribaltamento o un’uscita di strada. Un caso piuttosto comune è un piccolo danneggiamento, riportato dal veicolo per una manovra di parcheggio errata, ad esempio perché si è entrati nel garage a una velocità troppo sostenuta.

Lo stesso avviene per scontri con altri veicoli, quando l’incidente è stato generato per una propria responsabilità. In questi casi, ad esempio dopo un tamponamento per colpa propria, l’assicurazione copre i danneggiamenti dell’altra macchina, tuttavia con la Kasko è possibile ricevere un indennizzo anche per sistemare eventuali danni subiti, come la rottura del parafango.

Kasko collisione: cosa copre e differenze con la Kasko completa

In alcuni casi è possibile sottoscrivere una Kasko parziale o mini Kasko, un’assicurazione non completa come la versione integrale, in grado di fornire soltanto alcune garanzie aggiuntive rispetto alla RC Auto. Si tratta dei danni riportati alla propria vettura in caso di collisione, qualora la colpa dell’evento non sia di propria responsabilità e il sinistro avvenga con un veicolo identificato.

La Kasko parziale non copre una serie di situazioni, come danneggiamenti se l’incidente non coinvolge altre vetture, ad esempio dopo un’uscita di strada. Alcune tutele si possono ottenere con altre garanzie accessorie, ad esempio integrando nell’assicurazione RCA la garanzia per gli eventi naturali, per avere un indennizzo se l’auto viene rovinata dalla grandine o da altri fenomeni atmosferici.

Polizza Kasko: le principali esclusioni previste

Tutte le assicurazioni per l’auto prevedono alcune esclusioni, per questo motivo è importante leggere con attenzione il contratto prima di stipulare la polizza. In questo modo, infatti, è possibile controllare se la copertura sia effettivamente adatta alle proprie esigenze, verificando tutti i dettagli del servizio in maniera accurata.

In genere, l’assicurazione Kasko non copre i danni riportati dal veicolo in caso di guida in stato di ebrezza, in quanto vige il diritto di rivalsa da parte della compagnia, a meno di non sottoscrivere un’apposita polizza di rinuncia alla rivalsa in caso di ebrezza. La copertura potrebbe non risarcire anche i danneggiamenti riportati durante le operazioni di carico e scarico, oppure in seguito al traino attivo o passivo del veicolo.

Allo stesso modo, la polizza copre solo i danni materiali subiti dal veicolo, dunque in caso di lesioni personali dopo un incidente per colpa propria non sono compresi risarcimenti per danni fisici. In questo caso, però, è possibile integrare all’interno della polizza dell’auto anche un’assicurazione contro gli infortuni del conducente.

La polizza Kasko completa prevede sempre un massimale di rimborso annuale, quindi il risarcimento è soggetto alla soglia di indennizzo indicata dal contratto assicurativo. Inoltre, la riparazione deve avvenire presso un’officina convenzionata, altrimenti franchigie e scoperti potrebbero essere differenti e quindi riconoscere un contributo economico inferiore.

Assicurazione Kasko per l’auto: quanto costa?

Il costo dell’assicurazione Kasko per l’auto dipende da vari fattori, tra cui il valore del veicolo, l’esperienza di guida e le coperture incluse nella polizza. Oltre alla tariffa bisogna considerare anche altri aspetti, come le franchigie, gli scoperti e i massimali, valutando perciò non solo il costo della copertura ma anche il suo rapporto qualità-prezzo.

Una mini Kasko potrebbe fornire un risparmio sul premio assicurativo, tuttavia garantisce anche minori tutele per la vettura, perciò è necessario analizzare con attenzione la convenienza di una Kasko parziale rispetto a una Kasko integrale. L’opzione migliore consiste nel richiedere un preventivo online per l’assicurazione auto, per capire quali possono essere le varie soluzioni ed essere in grado di scegliere in modo consapevole.

L’assicurazione Kasko conviene?

La polizza Kasko totale è una copertura vantaggiosa per molti automobilisti, soprattutto per chi percorre molti chilometri l’anno, oppure per le persone che utilizzano l’auto specialmente in città. L’assicurazione conviene anche a chi possiede una macchina di alto valore commerciale, in quanto eventuali riparazioni potrebbero richiedere una spesa considerevole da sostenere.

Inoltre, la polizza Kasko completa è indicata come garanzia accessoria per i neopatentati, poiché maggiormente soggetti al rischio di urti, collisioni e uscite di strada. Allo stesso modo, questa copertura è adatta a chi vuole usufruire di una tutela integrale, per ottenere un risarcimento senza restrizioni in caso di danneggiamenti alla propria auto.